Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

Benvenuto, Ospite
Nome utente: Password: Ricordami

ARGOMENTO: Attività commerciale settore Teatro

Attività commerciale settore Teatro 3 Anni 1 Mese fa #795

  • mic11
  • Avatar di mic11
  • OFFLINE
  • Fresh Boarder
  • Messaggi: 1
  • Karma: 0
Buongiorno,
l'argomento della prevalenza di attività istituzionale è dibattuto spesso ma ho avuto finora indicazioni contrastanti.
Un'Associazione Culturale (senza scopo di lucro, non riconosciuta) con partita IVA e in regime 398, creata per operare soprattutto nel settore del Teatro (ma anche musica e arti visive), che ha come principale scopo istituzionale (da Statuto) la diffusione della cultura e della pratica teatrale, svolge per alcuni anni attività didattica a favore dei soci, con regolari entrate istituzionali (quote associative e quote per frequenza corsi). Fin qui tutto bene. Ad un certo punto, come previsto anche dallo Statuto, inizia a produrre spettacoli teatrali e a venderli presso Enti o Associazioni (Scuole, Comuni, altre Associazioni Culturali), i quali richiedono regolare fattura per procedere al pagamento. I proventi di questi spettacoli sono usati dall'Associazione per pagare regolarmente gli attori e i tecnici (in agibilità Enpals e con versamento ritenute) e per finanziare altri progetti teatrali (che possono essere laboratori di recitazione o produzioni di spettacoli amatoriali) riservati ai soci ma offerti a titolo completamente gratuito (i soci pagano solo la regolare quota annuale di 10 euro). La domanda è: se vendo degli spettacoli teatrali (attività prevista dallo Statuto, anzi direi attività squisitamente tipica di un'Associazione che è stata creata per diffondere la cultura teatrale) i cui introiti servono per finanziare progetti teatrali gratuiti a favore dei soci (altra attività assolutamente coerente con lo S.), come devo considerare le entrate che percepisco con la fatturazione degli spettacoli? Perché se sono considerate commerciali è ovvio che in questo caso le entrate commerciali superano drasticamente quelle istituzionali.
Scusate la lunghezza ma qui si tratta di vita o di morte (scherzo...), nel senso che, se ci viene contestata la prevalenza commerciale, l'Associazione può tranquillamente chiudere, non c'è speranza.
PS: qualcuno ci ha consigliato le convenzioni, ma non tutti gli enti pubblici le accettano e il problema resta in piedi.
Grazie mille per l'attenzione.

Michele
Per poter partecipare alla discussione devi fare login

Attività commerciale settore Teatro 2 Anni 10 Mesi fa #877

  • nicola
  • Avatar di nicola
  • OFFLINE
  • Amministratore
  • Messaggi: 420
  • Ringraziamenti ricevuti 54
  • Karma: 6
Situazione complicata. A mio parere, in questo caso, sono non commerciali solo le attività culturali che l'associazione svolge a favore dei soci.
La vendita di spettacoli teatrali a enti e altre associazione è, sempre a mio parere, attività commerciale. A maggior ragione se viene richiesta l'emissione di una fattura.
Le consiglio un consulto da un commercialista o esperto fiscale.
avv. Nicola Ferrante
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Per poter partecipare alla discussione devi fare login

gestionale associazioni no profit

E-book per la costituzione e gestione di enti no profit

e-book-ferrante

Speciale Riforma

gestionale-per-associazioni-ebook

Atti costitutivi e statuti

gestionale per associazioni assimplo

consulenza-legale-associazioni

 

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy