Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

  • SCARICA EBOOK
    Gestionale e il formulario per associazioni ed enti no profit. Visita la sezione Download ebook
  • SOFTWARE Assimplo ®
    Gestionale online per la tua associazione
  • CONSULENZA
    Per costituire associazioni, onlus, associazioni sportive e altri enti

Il Contenuto del Bilancio Sociale Degli Enti del Terzo Settore

Per gli enti del terzo settore per cui vige l’obbligo della redazione del bilancio sociale, il bilancio sociale dovrà contenere tutta una serie di informazioni, suddivise in sezioni. In caso di omissione di una o più sotto-sezioni, l’ente sarà tenuto a illustrare le ragioni che hanno condotto alla mancata esposizione dell’informazione.

Gli enti del terzo settore che volontariamente scelgono di redigere il bilancio sociale devono comunque fare riferimento allo stesso schema al fine di rendere attendibili ed esaustive le informazioni in esso contenute. In questo caso, però, è consentita un’esposizione ridotta, purchè esplicativa delle finalità informative del bilancio sociale quale strumento di rendicontazione delle responsabilità, dei comportamenti e dei risultati sociali, ambientali ed economici delle attività svolte dall’organizzazione.

 

  • Circa la metodologia adottata per la redazione del bilancio sociale, questa prevede l’indicazione degli eventuali standard di rendicontazione utilizzati, dei cambiamenti significativi rispetto al precedente periodo di rendicontazione, ulteriori informazioni utili a comprendere le modalità di rendicontazione.
  • Informazioni generali sull’ente: nome dell’ente, codice fiscale, partita iva, forma giuridica e qualificazione ai sensi del Codice del terzo settore, indirizzo della sede legale e di altre sedi, aree territoriali di operatività, valori e finalità perseguite (missione dell’ente), indicazione delle attività di interesse generale statutarie portate avanti e di altre attività secondarie e strumentali effettivamente svolte, collegamenti con altri enti del terzo settore.
  • Struttura, governo e amministrazione: consistenza e composizione della eventuale base sociale e associativa, indicazione del sistema di controllo, articolazione, responsabilità e composizione degli organi; approfondimento sugli aspetti relativi alla democraticità interna e alla partecipazione degli associati alla vita dell’ente. Mappatura dei principali stakeholders (personale, soci, finanziatori, clienti, utenti, fornitori, pubblica amministrazione, collettività) e modalità del loro coinvolgimento.
  • Persone operanti per l’ente sia retribuite che a titolo volontario, attività di formazione e valorizzazione realizzate. Contratto di lavoro applicato ai dipendenti, natura delle attività svolte dai volontari. Struttura dei compensi, delle retribuzioni, delle indennità e degli importi di dei rimborsi ai volontari.
  • Obiettivi e attività: informazioni qualitative e quantitative sulle azioni realizzate nelle diverse aree di attività, sui beneficiari diretti e indiretti e sugli effetti di conseguenza prodotti sui principali portatori di interessi. Le attività devono essere esposte evidenziando la coerenza con le finalità dell’ente, il livello di raggiungimento degli obiettivi di gestione individuati e gli eventuali fattori risultati rilevanti per il raggiungimento degli obiettivi programmati.
  • Per gli enti filantropici: elenco delle erogazioni deliberate ed effettuate nel corso dell’esercizio, con indicazione dei beneficiari diversi dalle persone fisiche, numero beneficiari persone fisiche, totale degli importi erogati alle persone fisiche.
  • Elenco degli elementi e fattori che possono compromettere il raggiungimento dei fini istituzionali e procedure poste in essere per prevenire tali situazioni.
  • Situazione economico-finanziaria: provenienza delle risorse economiche con la distinzione se private o pubbliche, specifiche informazioni sulle attività di raccolta fondi anche con riguardo alla destinazione delle stesse
  • Ulteriori informazioni come: l’indicazione su contenziosi e controversie in corso rilevanti ai fini della rendicontazione sociale, informazioni di tipo ambientale se rilevanti con riferimento alle attività dell’ente: tipologie di impatto ambientale connesse alle attività svolte; politiche e modalità di gestione di tali impatti, indicatori di impatto ambientale (consumi di energie e materie prime, produzione di rifiuti) e variazioni assunte da questi. Inoltre informazioni di natura non finanziari, inerenti agli aspetti di natura sociale, la parità di genere, il rispetto dei diritti umani, la lotta contro la corruzione. Infine informazioni sulle riunioni degli organi deputati alla gestione e approvazione del bilancio, numero dei partecipanti, principali questioni trattate e decisioni adottate nel corso delle riunioni.
  • Monitoraggio svolto dall’organo di controllo. Il Codice del terzo settore prevede che l’organo di controllo eserciti compiti di monitoraggio sui seguenti aspetti:
  1. Esercizio in via esclusiva o principale di una o più attività di interesse generale per il conseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale, nonché, eventualmente, di attività diverse purchè nei limiti delle previsioni statutarie e secondo criteri di secondarietà e strumentalità.
  2. Rispetto, nelle attività di raccolta fondi effettuate nel corso del periodo di riferimento, dei principi di verità, trasparenza e correttezza nei rapporti con i sostenitori e il pubblico e in conformità alle linee guida ministeriali.
  3. Perseguimento dell’assenza dello scopo di lucro, con la destinazione del patrimonio, comprensivo di tutte le sue componenti (ricavi, proventi, entrate…) per lo svolgimento dell’attività statutaria; l’osservanza del divieto di distribuzione anche indiretta degli avanzi di gestione, fondi e riserve a fondatori, associati, lavoratori e collaboratori, amministratori ed altri componenti degli organi sociali.

Degli esiti del monitoraggio di questi aspetti deve essere dato conto mediante la relazione dell’organo di controllo, costituente parte integrante del bilancio stesso.

gestionale associazioni no profit

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

Inviando questo messaggio accetti la nostra Privacy Policy

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy