Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

  • SCARICA EBOOK
    Gestionale e il formulario per associazioni ed enti no profit. Visita la sezione Download ebook
  • SOFTWARE Assimplo ®
    Gestionale online per la tua associazione
  • CONSULENZA
    Per costituire associazioni, onlus, associazioni sportive e altri enti

POS e Fattura Elettronica per Associazioni

Riguardo l’obbligo di fatturazione elettronica per le associazioni, secondo la previgente disciplina erano esonerate tutte le associazioni titolari di Partiva Iva che avevano optato per il regime forfettario (legge 398/1991) e che nell’esercizio precedente avevano conseguito, dalle attività commerciali svolte, proventi per un importo non superiore a 65.000 euro.

Diversamente, con il Decreto Legge 30 aprile 2022 n. 36, è prevista la progressiva abrogazione del regime di esonero, con le seguenti prescrizioni:

  • a partire dal 1° luglio 2022 per le associazioni che nell’anno precedente hanno “conseguito ricavi ovvero percepito compensi, ragguagliati ad anno, superiori ad euro 25.000”, derivanti da attività commerciale, scatta l’obbligo di emissione della fattura elettronica (quindi per le associazioni con esercizio solare si tratta di esaminare il bilancio del 2021);
  • a partire dal 1° gennaio 2024 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria per tutte le associazioni titolari di partita Iva a prescindere dal volume d’affari.

Naturalmente l’obbligo di emissione di fattura elettronica riguarda solo le prestazioni di natura commerciale, per cui l’associazione non deve emettere fattura elettronica quando riceve dal socio un corrispettivo relativo all’attività istituzionale (come ad esempio la quota di iscrizione ad un corso sportivo per le ASD o un corso di musica per le associazioni culturali).

Riguardo l’obbligo per le associazioni di dotarsi di POS (o altro strumento di pagamento elettronico), è già previsto da tempo, ma con l’articolo 18, comma 1, del Decreto Legge 30 aprile 2022 n. 36, sono state introdotte sanzioni nel caso in cui non si garantisca la possibilità di effettuare il pagamento con tale modalità.

 

Pertanto, l’associazione che non concede l’utilizzo del pagamento tramite Pos o altro strumento di pagamento elettronico, è passibile di una sanzione pecuniaria amministrativa di 30 euro a transazione rifiutata, a cui si deve aggiungere una sanzione variabile del 4% del valore della stessa transazione.

La norma prevede tale obbligo per tutti i soggetti che effettuano l’attività di vendita di prodotti e di prestazione di servizi. Non è quindi tenuta a dotarsi del Pos l’associazione che percepisce esclusivamente quote di adesione e contributi liberali.

Sussistono invece dei dubbi riguardo le associazioni titolari di solo codice fiscale, che offrono servizi a pagamento, a favore dei propri associati, relativi alle attività istituzionali ( come la quota di iscrizione ad un corso sportivo per le ASD o un corso di musica per le associazioni culturali).

E’ vero che tali corrispettivi sono “decommercializzati” (ex art. 148 del TUIR - Testo Unico delle Imposte sui Redditi) ma restano comunque il derivato di una prestazione di servizi, per cui potrebbe essere opportuno dotarsi di un sistema di pagamento elettronico.

gestionale associazioni no profit

Contatta l'esperto


captcha
Powered by BreezingForms

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy