Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Modelli o Libri Precompilati per Associazioni. Quando sono necessari.

Per tutte le associazioni che organizzano corsi o attività a pagamento a favore dei propri associati, è consigliabile acquistare, presso un qualsiasi negozio di materiale per ufficio, dei blocchetti di ricevute non fiscali. Queste sono compilabili e già predisposte in doppia copia. Diversamente, è possibile stamparle all'accorrenza, magari preparando un foglio excel standard.

Anche riguardo la lista soci, è possibile acquistare dei modelli precompilati, o preparare dei file word o excel da compilare al bisogno.

Riguardo gli altri documenti associativi, come vebali di assemblea e consiglio direttivo, si suggerisce di prepararli all'occorenza,  stamparli e farli firmare da tutti i partecipanti. Infatti, questi verbali non possono essere firmati solo dal presidente e dal segretario.

In ogni caso, è sufficiente conservare in modo ordinato tutti i documenti associativi, presso la sede legale dell'associzione, senza particoli formalità o vidimazioni. 

A Proposito della Sede Legale dell'Associazione

Molti utenti che contattano il nostro studio o scrivono nel forum chiedono informazioni in merito ai locali utilizzati come sede legale dell'associzione.

Ricordiamo in primo luogo che la sede legale è necessaria per conservare i documenti associativi (verbali, liste soci, bilanci ecc....) e ricevere la posta e le missive inviate all'associazione. Non è necessario che coincida con la sede operativa o il luogo dove si ritrovano gli associati o dove vengono svolte le attività dell'associazione. 

Può essere anche l'indirizzo di residenza del presidente o di un socio, un ufficio di un professionista, un luogo preso in affitto o in comdato d'uso, o un locale messo a disposizione dal comune o da enti pubblici. L'importante è che sia dotato di un numero civico e di una cassetta delle lettere per ricevere la posta. 

La sede legale di un'associazione può inoltre corrispondere alla sede di un'attività commerciale (ufficio, negozio, impresa ecc....). E' però necessario che le due attività restino contabilmente e fiscalmente separate.

Quali Spese può Sostenere un'Associazione ?

In generale un’associazione può sostenere tutte le spese relative alla gestione e al mantenimento della sua attività. Quindi solitamente:

  • le spese per il materiale o le attrezzature necessarie all’attività istituzionale svolta con i soci, come corsi, lezioni, convegni (per le associazioni culturali), corsi sportivi (per le ASD), attività di aiuto o sostegno verso persone svantaggiate (per le onlus);
  • le spese di gestione e manutenzione dei locali utilizzati come sede legale o operativa (affitto, manutenzione, bollette ecc……);
  • le spese relative all’attività commerciale svolta dall’associazione, come vendita di beni o attività a pagamento verso terzi non soci;
  • il rimborso dei pagamenti anticipati dagli associati, dietro presentazione delle relative ricevute fiscali;
  • il pagamento per eventuali prestazioni o attività lavorativa svolta a favore dell’associazione da terzi o da soci (attività di insegnamento, istruttori sportivi, attività amministrativa o di segreteria ecc…..).

Modifiche Elenco Discipline Sportive Registro CONI

Per costituire regolarmente un’Associazione Sportiva Dilettantistica, dopo aver registrato l’associazione all’Agenzia delle Entrate, è necessario affiliarla ad una federazione sportiva o ad un ente di promozione sportiva. Questi enti, a loro volta, provvederanno ad iscrivere la ASD al registro del CONI, che prevede un determinato elenco di discipline sportive.

Recentemente il CONI ha modificato l’elenco delle discipline sportive “accettate”, mancando di prevedere varie attività, svolte da moltissime Associazioni Sportive Dilettantistiche, come Yoga, Pilates, Shiatsu, Krav-Maga, Soft Ait, PaintBall ecc…… Conseguentemente le associazioni sportive che svolgono tali attività rischiano di non potersi iscrivere al registro CONI, e perdere i benefici fiscali riservati dalla legge alle ASD.

In questi casi, si consiglia di inserire l’attività svolta nell’ambito di discipline sportive più generiche, come ginnastica sportiva, fitness, danza ecc…. scegliendo quindi dall’elenco del CONI la disciplina che più è simile a quella effettivamente svolta.

Associazioni non Registrate ?

Molte persone che contattano il nostro studio legale parlano (e ci chiedono consigli), in merito ad associazioni non registrate all'Agenzia delle Entrate, o che hanno a disposizione il solo codice fiscale. A tal proposito, riteniamo opportuno evidenziare alcuni punti fermi:

  • un'associazione non registrata all'Agenzia delle Entrate e senza codice fiscale, praticamente NON esiste. La possiamo definire un'associazione di fatto, ma praticamente NON ha alcuna sostanza giuridica o formale;
  • un'associazione che abbia solo il codice fiscale, ma il cui atto costitutivo e statuto non siano stati registrati all'Agenzia delle Entrate, NON è un'associazione costituita correttamente. Infatti, NON può beneficiare della legislazione fiscale di favore riservata agli enti no profit, oltre a mancare dei requsiti minimi richiesti per collaborare con istituzoni pubbliche ed enti privati;
  • un'associazione sportiva dilettantistica, che sia stata semplicemente registrata all'Agenzia delle Entrate, NON è un'associaizone sportiva dilettantistica. Infatti, per ottenere tale qualifica è necessaria (e obbligatoria) l'affiliazione ad una federazione sportiva o ad un ente di promozione sportiva a carattere nazionale;
  • una onlus, che sia stata semplicemente registrata all'Agenzia delle Entrate, NON è una onlus. Infatti, per ottenere tale qualifica è necessaria (e obbligatoria) la successiva iscrizione all'anagrafe onlus;
  • un'associazione di promozione sociale, che sia stata semplicemente registrata all'Agenzia delle Entrate, NON è un'associaizone di promozione sociale. Infatti, per ottenere tale qualifica è necessaria (e obbligatoria) l'iscrizione ai relativi registri regionali e provinciali o in alternativa l'affiliazione ad un ente di promozione sociale a carattere nazionale;

Modifiche Regime Fiscale Legge n. 398/1991 Attività Commerciali

Per le associazioni che svolgono, oltre all’attività istituzionale, anche attività commerciale tramite P Iva, il regime fiscale più conveniente è quello previsto dalla Legge n. 398/1991, che prevede una serie di semplificazioni ed agevolazioni di natura contabile e fiscale.

Recentemente questo regime fiscale ha subito delle modifiche migliorative. Una delle principali è l’aumento della cifra massima dell’ammontare dei proventi annuali derivanti da attività commerciale, che è stata portata a 400.00,00 euro. Quindi, se l’associazione non supera annualmente questa somma, potrà avvalersi del regime previsto Legge n. 398/1991.

Diversamente, se nel corso dell’anno viene superato il tetto di euro 400.000,00 di proventi di natura commerciale, il regime agevolato decade e si applicano le regole di contabilità ordinaria.

Per tutti i dettagli in merito al regime agevolato Legge n. 398/1991 si rimanda a questa pagina.

Costituire Associazioni di Categoria o di Tutela dei Cittadini

Le associazioni di categoria o a tutele dei cittadini fanno parte dell’ampio insieme degli enti no profit, ed in particolare di quelli associativi. La qualifica “di categoria” o “a tutela dei cittadini” di un’associazione, dipende dal tipo di attività prevista nello statuto.

Solitamente le associazioni di categoria si rivolgono ad una determinata categoria professionale o imprenditoriale, individuata a seconda dell’attività svolta. Le usuali attività prestate a favore degli associati sono corsi, convegni, stage informativi, disbrigo di pratiche burocratiche e tecniche, rappresentare presso istituzioni ed enti pubblici gli associati, promuovere progetti di legge, diffondere nella cittadinanza la conoscenza sul ruolo sociale ed economico della categoria.

Leggi tutto...

Sottocategorie

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy