Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Caratteristiche e Attività delle APS e delle Onlus

Molto spesso capita di fare confusione tra le finalità e le caratteristice di un'associazione di promozione sociale (APS) e quelle di un'associazione onlus. E' infatti necessario precisare che si tratta di due enti diversi, regolati da due leggi differenti, che svolgono diverse attività.

Sono considerate associazioni di promozione sociale le associazioni, i movimenti, i gruppi e i loro coordinamenti o federazioni costituiti al fine di svolgere attività di utilità sociale a favore di associati o di terzi, senza finalità di lucro e nel pieno rispetto della libertà e dignità degli associati. Di base le APS hanno le stesse caratteristiche delle associazioni, con alcuni requisiti in più richiesti dalla legge, giustificati dalle maggiori agevolazioni fiscali concesse. La normativa che regola queste associazioni e ne descrive le caratteristiche è la legge 7 dicembre 2000 n. 383.

Leggi tutto...

Risolvere Problemi di Gestione dell'Associazione

Capita spesso che si verifichino problematiche nell’ambito della gestione di un’associazione o di un qualsiasi ente no profit, relativamente alla conduzione del consiglio direttivo, dell’assemblea dei soci, la gestione e l’organizzazione delle attività, la responsabilità patrimoniale e civile degli amministratori, dimissioni di soci o consiglieri, mancato rispetto della normativa legale e fiscale sugli enti no profit e delle previsioni dello statuto associativo.

Esaminiamo ora quali possono essere i riferimenti per trovare una soluzione a tali problematiche.

Leggi tutto...

Durata delle Cariche Associative

Sappiamo che nell'ambito di tutti gli enti no profit le principali cariche associative sono il presidente e i consiglieri, cioè le persone che vanno a comporre il Consiglio Direttivo dell'associazione, votate dall'assemblea dei soci. Ci si chiede spesso per quanto tempo queste persone possano restare in carica, e se possano essere rielette.

In generale non è possibile prevedere cariche a vita, o per tempi molto lunghi. Infatti, questo sarebbe in palese contrasto con il principio della democraticità della struttura, che è alla base di ogni ente associativo, e che lo distingue come tale. Inoltre, per godere delle agevolazioni fiscali sull'attività a pagamento  svolta verso i soci, la legge tributaria richiede che il predetto principio sia sempre rispettato.

Leggi tutto...

Contributi Economici dei Soci nelle Associazioni

A proposito dei doveri dei soci nell’ambito della vita associativa, specialmente riguardo i contributi economici, il principale obbligo è il pagamento della quota associativa annuale. Ricordiamo che non è prevista dalla normativa una quota minima o massima, che quindi può variare di molto, a seconda delle esigenze di gestione. In mancanza del pagamento della quota annuale, al socio può essere impedito di votare in assemblea o, se previsto dallo statuto, può essere anche espulso dall’associazione.

L’associazione può inoltre chiedere al socio un contributo in denaro per la partecipazione alle attività associative (corsi, convegni, eventi ricreativi, escursioni ecc……). In tal caso l’associato ha sempre il diritto di ottenere una ricevuta di pagamento, anche se non fiscale.

Leggi tutto...

Quali Entrate deve Dichiarare un'Associazione ?

Le entrate o i corrispettivi economici di un'associazione che non sono soggetti a tassazione sono le quote associative annuali pagate dai soci, le donazioni e i contributi versati da associati o terzi. Inoltre, non sono tassati tutti i corrispettivi che vengono pagati  dagli associati per la partecipazione ad attività organizzate dall'associazione (ad esempio corsi), a patto che queste attività siano coerenti con gli scopi e le finalità previste dallo statuto. Tali attività sono considerate non commerciali, non soggette ad imposte e non richiedono l'apertura di una P Iva. L'unico adempimento richiesto per contabilizzare queste entrate è la redazione di un semplice bilancio di fine anno, approvato dall'assemble dei soci e conservato presso la sede legale dell'associazione. 

Leggi tutto...

Esenzione Imposta di Bollo e Tassa di Registro per Associazioni

Determinate associazioni godono dell’esenzione dell’imposta di bollo, ad esempio sulla registrazione di atti e contratti, sui documenti contabile e a carattere fiscale, sugli estratti conti bancari.

L'esenzione spetta agli enti iscritti nell'anagrafe unica delle onlus (articolo 11 Dlgs 460/1997), alle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali (legge 266/1991, le organizzazioni non governative riconosciute dal ministero degli Esteri (legge 49/1987) e le cooperative sociali (legge 381/1991).

Le associazioni di volontariato godono inoltre dell’esenzione dell’imposta di registro, sulla registrazione di atto costitutivo, statuto, verbali e altri atti associativi.

Non godono di tali esenzioni le comuni associazioni (culturali, ricreative, pro-loco), le associazioni di promozione sociale, i circoli e le associazioni sportive dilettantistiche.

Leggi tutto...

Conviene Intestare dei Beni ad una Associazione ?

Si pone spesso la domanda se sia utile o conveniente intestare dei beni, mobili o immobili, ad un’associazione no profit (culturale, onlus, ASD ecc………..). Questa è una decisione da valutare attentamente. Infatti tutti i beni conferiti o intestati all'associazione o che comunque entrano a far parte del suo patrimonio, sono di esclusiva proprietà della stessa e sono in perpetuo destinati al raggiungimento degli scopi o delle finalità stabilite dallo statuto. Conseguentemente, i membri del Consiglio Direttivo o i soci non possono mai dividersi il patrimonio associativo o riottenere i beni conferiti.

Leggi tutto...

Sottocategorie

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy