Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

  • SCARICA EBOOK
    Gestionale e il formulario per associazioni ed enti no profit. Visita la sezione Download ebook
  • SOFTWARE Assimplo ®
    Gestionale online per la tua associazione
  • CONSULENZA
    Per costituire associazioni, onlus, associazioni sportive e altri enti

La nuova disciplina prevista dal Codice del Terzo Settore in tema di scritture contabili, bilanci, relazione di missione e bilancio sociale

Gli Enti del Terzo Settore sono organizzazioni costituite con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale che, senza scopo di lucro, promuovono e realizzano attività d'interesse generale anche tramite produzione e scambio di beni e servizi, in coerenza con le finalità stabilite nei rispettivi statuti o atti costitutivi. 

Gli Enti del Terzo Settore devono redigere il bilancio di esercizio formato:

  • dallo stato patrimoniale;
  • dal rendiconto finanziario, con l’indicazione dei proventi e degli oneri dell’ente
  • dalla relazione di missione, che illustra le poste di bilancio, l’andamento economico e finanziario dell’ente e le modalità di perseguimento delle finalità statutarie.

    Leggi tutto...

L’organizzazione di viaggi e soggiorni turistici ad opera di Enti del Terzo Settore

Molte associazioni ritengono che l’attività di organizzazione di viaggi e soggiorni turistici sia accessoria e complementare alle attività volte alla completa realizzazione degli scopi istituzionali. 

Le norme che trattano di tali attività sono il T.U.I.R. e la Legge IVA 633/1972.

La normativa fiscale prevede che non siano imponibili le prestazioni effettuate in conformità alle finalità istituzionali delle associazioni politiche, sindacali e di categoria, religiose, assistenziali, culturali, sportive dilettantistiche, di promozione sociale e di formazione extrascolastica della persona, anche se eseguita verso il pagamento di corrispettivi specifici o contributi supplementari, nei confronti dei propri soci o associati.

Si presuppongono invece imponibili determinate attività, tassativamente indicate, considerate commerciali, indipendentemente da chi le eserciti, tra le quali l’organizzazione di viaggi e soggiorni turistici e prestazioni alberghiere o di alloggio.

L’attività d’organizzazione di viaggi e soggiorni turistici è, quindi, attività commerciale.

Si prevede, tuttavia, una normativa particolare nei confronti di alcune associazioni:

  • Per le associazioni di promozione sociale, la suddetta attività non è soggetta ad Iva né ad imposte sui redditi, quando le attività sono strettamente complementari a quella svolta in diretta attuazione degli scopi istituzionali e se le attività sono effettuate nei confronti di iscritti, associati, partecipanti, ecc..
  • Per le associazioni politiche, sindacali e di categoria e per le associazioni riconosciute da confessioni religiose con le quali lo Stato ha stipulato patti, accordi o intese, l’organizzazione di viaggi non è considerata attività commerciale se effettuata nei confronti di iscritti, soci, partecipanti, ecc.

La disciplina del lavoro volontario secondo la Riforma del Terzo Settore

Il Terzo Settore è il complesso degli enti privati costituiti con finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale che, senza scopo di lucro, promuovono e realizzano attività d'interesse generale, mediante forme di azione volontaria e gratuita o di mutualità o di produzione e scambio di beni e servizi, in coerenza con le finalità stabilite nei rispettivi statuti o atti costitutivi.

Gli Enti del Terzo Settore possono avvalersi di lavoratori subordinati e volontari nello svolgimento delle proprie attività e sono tenuti a iscrivere in un apposito registro i volontari che svolgono la loro attività in modo non occasionale.

Leggi tutto...

Le Associazioni delle Professioni non Organizzate

Si definisce professione non organizzata in ordini o collegi quell’attività economica diretta alla prestazione di servizi o di opere a favore di terzi, esercitata abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi. 

La professione è esercitata in forma individuale, associata, societaria, cooperativa o nella forma del lavoro dipendente. Ai professionisti, anche se associati, non è consentito l’esercizio delle attività professionali riservate dalla legge a specifiche categorie di soggetti, salvo il caso in cui dimostrino il possesso dei requisiti previsti dalla legge e l’iscrizione al relativo albo professionale.

I professionisti in esame possono costituire associazioni a carattere professionale di natura privatistica, fondate su base volontaria, senza alcun vincolo di rappresentanza esclusiva, con il fine di valorizzare le competenze degli associati e garantire il rispetto delle regole deontologiche, agevolando la scelta e a tutela degli utenti nel rispetto delle regole sulla concorrenza.

Leggi tutto...

Le autorizzazioni diverse da quella di somministrazione di alimenti e bevande

Vi sono delle attività o delle forme d’intrattenimento per le quali si richiedono autorizzazioni e licenze differenti e svincolate rispetto a quelle previste per la somministrazione di alimenti e bevande all’interno di una ASD.

Leggi tutto...

Sicurezza nei luoghi di lavoro

Un’associazione può avere con i propri collaboratori qualsiasi tipo di rapporto di lavoro autonomo o subordinato.

Si definisce lavoratore la persona che, indipendentemente dalla tipologia contrattuale, svolge un’attività lavorativa nell’ambito dell’organizzazione di un datore di lavoro pubblico o privato, con o senza retribuzione, anche al solo fine di apprendere un mestiere, un’arte o una professione.

Ogni lavoratore, anche quello impegnato in un ente no profit, è soggetto agli obblighi relativi alla sicurezza ex D.lgs. 81/08; sono equiparati al lavoratore anche i volontari ed i percettori di redditi diversi.

Le organizzazioni che impiegano meno di dieci lavoratori non possono più procedere alla valutazione dei rischi tramite autocertificazione, ma dovranno avvalersi delle procedure standardizzate di cui al Decreto Interministeriale del 30/11/2013.

Somministrazione di alimenti e bevande a favore dei soci

Le associazioni che intendono somministrare alimenti e bevande (analcoliche, alcoliche, superalcoliche) devono richiederne l’autorizzazione al Comune.

Il rilascio delle autorizzazioni è subordinato unicamente al possesso da parte del richiedente di alcuni requisiti:

  • Soggettivi del presidente del circolo, al quale si richiede, generalmente, il certificato penale e carichi pendenti Procura e Pretura;
  • L’autorizzazione igienico-sanitaria per i locali e per il personale addetto alla produzione e vendita di sostanze alimentari e bevande;
  • Conformità della destinazione d’uso degli immobili in cui s’intende esercitare l’attività;
  • Presenza dei requisiti di sorvegliabilità dei locali secondo le disposizioni impartite dal ministero dell’interno.

Nel caso di associazioni che svolgono la loro attività a favore unicamente dei loro soci, il rilascio delle autorizzazioni alla somministrazione di alimenti e bevande non è subordinato a valutazioni tecniche di tipo discrezionale oppure vincolate al rispetto di limiti e/o contingenti complessivi.

Una volta che l’associazione abbia presentato domanda volta al rilascio delle autorizzazioni, il Comune ha un termine di 60 giorni per rifiutare la domanda con motivazione, se ciò non accade opera il silenzio assenso della P.A.: sono cioè concesse le autorizzazioni.

Come si richiedono, nella pratica, tali autorizzazioni? 

Leggi tutto...

Sottocategorie

gestionale associazioni no profit

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy