Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il portale delle associazioni

Come Aprire un'Associazione

Scopri la nostra consulenza per costituire associazioni

Nel seguente articolo spieghiamo la procedura per aprire e costituire un'associazione, oltre alle caratteristiche principale di questo ente no profit.

Le associazioni possono essere definite come una comunità organizzata di persone che, con riguardo al fine perseguito, si propone come unitario centro d’interessi. In altri termini, attraverso l’associazione, un gruppo di soggetti può perseguire uno scopo comune, per lo più a fine solidaristico o a beneficio della collettività.

Le associazioni si distinguono, a loro volta, in riconosciute, cioè con personalità giuridica, e non riconosciute. La maggioranza delle associazioni operanti fa parte della seconda categoria, poiché l’iter per il riconoscimento è lungo e dispendioso.

Le associazioni possono avere come scopi il perseguimento di promozione culturale, sportiva, attività di volontariato e molto altro. Non svolgono, almeno in prevalenza, attività commerciale finalizzata al perseguimento di un utile, ma hanno come scopo un’attività priva di profitto proiettata al soddisfacimento di bisogni socialmente rilevanti. Le associazioni che si costituiscono regolarmente e che seguono semplici principi di corretta gestione, possono beneficiare di un vantaggioso regime fiscale. Le associazioni possono svolgere, oltre all'attività no profit, anche esercizi tipicamente commerciali verso i terzi non soci. Quest’ultima, però, dovrà essere marginale e mai preponderante rispetto all'attività non commerciale e per realizzarla è necessario aprire la partita Iva.

Le attività svolte a favore degli associati, inerenti al perseguimento degli scopi associativi, sono considerate non commerciali e i corrispettivi ricavati non sono tassabili. Questo vuol dire che l’associazione può ricevere corrispettivi dai soci per la partecipazione alle attività organizzate per il raggiungimento dello scopo fissato dallo statuto (corsi, seminari, gite, convegni ecc...), senza alcun obbligo fiscale. Per svolgere tale attività non è necessario avere Partita Iva, ma basta che l’associazione sia titolare di un Codice Fiscale, che viene  rilasciato in fase di registrazione.

I corrispettivi ricavati sono dell'ente associativo e non possono essere considerati degli "utili" da distribuire ai soci. Gli amministratori e organizzatori potranno ricevere dei compensi in relazione all’attività svolta a favore dell’ente. Inoltre, non è escluso che l'associazione possa assumere del personale, anche tra gli stessi soci fondatori.

Come aprire, allora, un’associazione? Una volta individuato lo scopo principale e le figure dei soci fondatori (almeno 3) che formeranno il primo Consiglio Direttivo, ci si deve concentrare sulla redazione dell’atto costitutivo e dello statuto, che devono avere indicate, come requisiti essenziali, alcune informazioni, quali: la denominazione dell’ente, lo scopo, la sede legale, il patrimonio, l’organizzazione, le norme sull’ordinamento e sull’amministrazione, i diritti e i doveri degli associati e le condizioni per la loro ammissione, la rappresentanza in capo al presidente o all’amministratore designato dell’ente.

L’atto costitutivo e lo statuto serviranno non solo per ordinare la vita associazionistica e le attività ad essa correlate, ma anche per poter richiedere la registrazione dell’ente all’Agenzia delle Entrate.

Veniamo alle figure che compongono lo scheletro dell’associazione e che dovranno essere indicate nello statuto.

Consiglio Direttivo: è eletto dall'assemblea, che è l'organo esecutivo dell'associazione, prende le decisioni inerenti all'organizzazione e all'attività.

Presidente: è eletto dall'assemblea dei soci, dirige l'ente e lo rappresenta anche in giudizio, presiede il Consiglio Direttivo e ne attua le decisioni.

Assemblea dei Soci: si riunisce annualmente per approvare il bilancio sociale e il programma annuale delle attività e decide su quanto sottoposto alla sua attenzione dal Consiglio Direttivo. Inoltre, alla scadenza dei rispettivi mandati elegge gli organi dell'associazione. Solo l'assemblea può deliberare sulle modifiche dello statuto e sullo scioglimento dell’associazione.

Una volta redatto lo statuto e l’atto costitutivo, è necessario recarsi all’Agenzia delle Entrate per la richiesta del Codice Fiscale dell’associazione. Questo sarà rilasciato previa presentazione dell’atto costitutivo e della modulistica correttamente compilata. Si prosegue quindi con il pagamento della tassa di registro, l’acquisto e l’applicazione di bolli a due copie (in originale) di atto costitutivo e statuto e, infine, la presentazione di questi atti, assieme alla modulistica per la registrazione, sempre in Agenzia delle Entrate. Una volta registrata, l’associazione sarà regolarmente costituita e potrà iniziare la propria attività.

Le formalità nella stesura dello statuto sono richieste per accedere ai benefici fiscali di cui l’associazione può godere. Questa, infatti, deve rispettare le norme previste dal Codice Civile e dalla legge fiscale (TUIR). Le agevolazioni sono erogate, condizione necessaria, se v’è anche una corretta gestione dell’associazione, che deve essere effettivamente partecipata, e una corretta redazione degli atti associativi (verbali delle riunioni del Consiglio Direttivo, Assemblea, la lista soci, il bilancio annuale).

In questa pagina trovi tutti gli articoli inerenti alla disciplina delle associazioni.

avv. Nicola Ferrante (aggiornato a marzo 2018)

Per informazioni e costi sulla nostra consulenza per la costituzione e la gestione di associazioni vai a questa pagina, o contatta lo studio tramite il modulo sottostante o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Contattando lo studio riceverete gratuitamente un preventivo su carta intestata, con descrizione e costi della consulenza, oltre ad un primo esame delle vostre esigenze.

gestionale associazioni no profit

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy