Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

I finanziamenti delle associazioni

Scopri la nostra consulenza per costituire una associazione

Le associazioni recuperano i fondi per finanziare la loro attività in vari modi:

  • la quota d’iscrizione, annualmente conferita dai soci all'associazione, che è necessario versare per fare parte dell'associazione e per avere diritto di voto nell'assemblea;
  • eventuali contributi ulteriori, richiesti ai soci dal Consiglio Direttivo dell'associazione, per fare fronte ai costi delle attività proposte o ad eventuali debiti;
  • le donazioni, effettuate dai soci o da terzi, o eventuali contributi di comuni, province, regioni, enti pubblici ecc....
  • i corrispettivi versati dai soci per partecipare a determinate attività organizzate dall'associazione, come corsi, seminari, convegni ecc...;
  • i corrispettivi ricavati dall'attività commerciale organizzata in via marginale dall'associazione, cioè i proventi ricavati da attività verso i soci, se tali attività non rientrano nello scopo dell'associazione, e tutti i proventi ricavati da attività verso i terzi non soci. In tal caso i proventi dell'attività commerciale non devono mai superare i proventi derivanti dall'attività non commerciale (contributi di soci o di enti pubblici).
  • quanto ricavato da raccolte pubbliche di denaro, che possono essere organizzate saltuariamente durante l'anno.

Il denaro raccolto andrà depositato nel conto corrente dell'associazione, aperto presso un istituto di credito. Solitamente, sono delegati ad operare sul c\c  il presidente e il tesoriere. E' utile rilevare che tutte le decisioni riguardante la gestione economico \ finanziaria sono prese dal Consiglio Direttivo. Quanto ricavato andrà utilizzato per raggiungere lo scopo dell'associazione, e non potrà essere investito per altri scopi diversi dalla missione dell'ente.

E' inoltre necessario ricordare che le somme raccolte sono dell'associazione, e non dei soci, e sono vincolate  al raggiungimento degli scopi associativi. Infatti, gli enti associativi sono figure giuridiche autonome rispetto ai propri soci, ed loro patrimonio è autonomo e separato da quello degli stessi soci. Quest'ultimi, potranno ricevere rimborsi per le spese sostenute o compensi per l'attività svolta a favore dell'associazione, con le modalità indicate nella parte fiscale di questo sito. 

Gli introiti e le spese andranno rendicontate su fogli cassa settimanali o mensili, rendicontazione che permetterà di compilare il bilancio annuale che l’assemblea dei soci dovrà approvare. Abbiamo già rilevato che non è escluso che l’associazione possa conseguire alla fine dell’anno un avanzo economico (che propriamente non è un utile), che verrà accantonato e trascritto nel bilancio dell’anno successivo.  

In questa pagina trovi tutti gli articoli inerenti alla disciplina delle associazioni.

avv. Nicola Ferrante (aggiornato a marzo 2017)

Per informazioni e costi della nostra consulenza per la costituzione e la gestione di no profit vai a questa pagina o contatta lo studio  tramite il modulo sottistante o alla mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy