Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Costituire un Comitato

Costituire un Comitato

Scopri la nostra consulenza per costituire un comitato

Ecco le indicazioni per costituire e aprire un comitato:

  • determinare lo scopo del comitato e la sua attività specifica. E' necessario prevedere almeno 3 soci fondatori, che formeranno il primo Consiglio Direttivo;
  • preparare, in duplice copia originale, atto costitutivo e statuto del comitato, necessari per creare il comitato, inserendo tutti i requisiti e gli articoli previsti dalla Codice Civile e dalla legge fiscale (TUIR);
  • recarsi all'Agenzia delle Entrate per la registrazione del comitato (indispensabile per ottenere i benefici fiscali previsti dal nostro ordinamento). E' necessario richiedere l'attribuzione del Codice Fiscale, pagare la tassa di registro, acquistare i bolli da applicare agli atti,  ed infine presentare l’atto costitutivo e lo statuto in duplice copia (la procedura è quella di “registrazione atti privati”).
  • una volta registrato, avete terminato la procedura per costituire il comitato, che da quel momento potrà iniziare la sua attività.

Un gruppo di persone decide di costituire un comitato per la realizzazione e il sostegno di un'iniziativa precisa, uno scopo determinato e non generico, come invece potrebbe essere quello di un'associazione. Il comitato, si propone di creare un collegamento tra l'associazione e i terzi, che vogliono sostenere lo scopo del comitato. Questo persegue finalità etiche-solidaristiche, e si pone come un ente che mira al conseguimento di obbiettivi rilevanti dal punto di vista sociale o di interesse pubblico (anche quando a beneficiarne è un'unica persona).

Il comitato più frequente è quello promotore, nel quale i componenti si propongono lo scopo di raccogliere i fondi necessari per raggiungere un determinato scopo, mediante pubbliche sottoscrizioni. Lo scopo può essere dei più vari: sostegno a persone ammalate, tutela dell'ambiente e del paesaggio, tutela di luoghi culturali, comitati di protesta, comitato per promuovere una determinata iniziativa culturale ecc ….....

Il patrimonio del comitato è costituito dalle offerte dei terzi per il perseguimento dello scopo annunciato. Dopo essere stato costituito, il comitato deve annunciare al pubblico il suo programma, e rendere nota la sua esistenza, i suoi scopi e come intende raggiungerli, sollecitando i terzi a compiere le donazioni necessarie per finanziarlo. Inoltre, deve sempre mantenere invariato lo scopo per cui raccoglie fondi, e non può mai modificarlo, per evitare un abuso della pubblica fiducia.

Solitamente nell'ambito dell'attività del comitato, si usa distinguere due categorie di persone. 1) i promotori, cioè le persone che l'hanno costituito e lo gestiscono 2) i sottoscrittori, cioè i terzi che ne condividono lo scopo e versano delle oblazioni (donazioni) per finanziarlo. Quest'ultimi non devono necessariamente far parte o essere soci del comitato, ponendosi nei confronti di questo come terzi. Il loro rapporto con il comitato si esaurisce con l'oblazione, con cui perdono definitivamente la disponibilità dei soldi o delle cose donate, senza nessuna possibilità di chiederne la restituzione. Inoltre, i sottoscrittori non hanno alcun potere di controllo sulla gestione del comitato e sulla effettiva realizzazione dello scopo.

Tutti i fondi raccolti per il conseguimento dello scopo del comitato non sono soggetti a tassazione. Tale regime di favore è però subordinato ad una corretta redazione dello statuto, che deve prevedere i requisiti richiesti dalla legislazione tributaria.

Spetta esclusivamente allo stato vigilare mediante i suoi organi, perchè non si verifichino abusi della pubblica fiducia.

Il comitato, al suo interno, funziona come una associazione e ha organi simili a quelli di una associazione: l'assemblea,  il consiglio direttivo, il presidente. Per un approfondimento sul tema visita il relativo articolo di questa sezione.

A differenza delle associazioni, tutti i componenti del comitato rispondono solidalmente e personalmente delle obbligazione assunte per il conseguimento dello scopo. Questa si chiama responsabilità solidale dei membri del comitato, che tutela gli interessi dei creditori che vantano, nei confronti del comitato, dei crediti che non sono stati pagati.

Se il comitato svolge attività nei confronti i suoi soci chiedendo un corrispettivo specifico, questa è considerata attività commerciale.

Oltre la normale attività, potranno essere comunque previste raccolte pubbliche di fondi, strumentali al raggiungimento dello scopo del comitato, che prevedono anche la vendita di beni di modico valore o servizi ai sovventori, in concomitanza di celebrazioni, riccorrenze e campagne di sensibilizzazione.

Tutti i fondi raccolti, andranno naturalmente spesi per sostenere e raggiungere la finalità dell'ente.

avv. Nicola Ferrante (aggiornato a marzo 2017)

Per informazioni e costi della nostra consulenza  per  la costituzione e la gestione di comitati  vai  a questa pagina o contatta lo studio tramite il modulo sottostante o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  Contattando lo studio riceverete gratuitamente un preventivo su carta intestata, con descrizione e costi della consulenza, oltre ad un primo esame delle vostre esigenze.

Nota: si precisa che gli articoli presenti in questo sito sono da considerarsi come un riassunto, a titolo informativo, della più ampia disciplina degli enti no profit. Lo studio non si assume nessuna responsabilità per un uso non conforme di tali informazioni. Gli articoli sono protetti dalla legge sul diritto d'autore. 

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy