Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Costituire Associazioni di Categoria o di Tutela dei Cittadini

Le associazioni di categoria o a tutele dei cittadini fanno parte dell’ampio insieme degli enti no profit, ed in particolare di quelli associativi. La qualifica “di categoria” o “a tutela dei cittadini” di un’associazione, dipende dal tipo di attività prevista nello statuto.

Solitamente le associazioni di categoria si rivolgono ad una determinata categoria professionale o imprenditoriale, individuata a seconda dell’attività svolta. Le usuali attività prestate a favore degli associati sono corsi, convegni, stage informativi, disbrigo di pratiche burocratiche e tecniche, rappresentare presso istituzioni ed enti pubblici gli associati, promuovere progetti di legge, diffondere nella cittadinanza la conoscenza sul ruolo sociale ed economico della categoria.


Riguardo le associazioni a tutela dei cittadini, queste si rivolgono a determinati soggetti interessati a tutelare i loro diritti, o che hanno subito un abuso, o che per la loro condizione sociale ed economica hanno esigenze comuni. Anche in tal caso le attività prestate a favore dei soci sono il disbrigo di pratiche burocratiche o tecniche, promuovere la tutela dei diritti degli associati, rappresentarli presso istituzioni ed enti pubblici.

Per costituire un’associazione di categoria o di tutela dei cittadini, è necessario seguire l’ordinaria procedura per costituire tutti gli enti associativi:

  • determinare lo scopo e le attività dell’associazione. E' necessario prevedere almeno 3 soci fondatori, che formeranno il primo Consiglio Direttivo;
  • preparare, in duplice copia originale, atto costitutivo e statuto dell'associazione, inserendo tutti i requisiti e gli articoli previsti dalla Codice Civile e dalla legge fiscale (TUIR);
  • recarsi all'Agenzia delle Entrate per la registrazione dell'associazione (indispensabile per ottenere i benefici fiscali previsti dal nostro ordinamento). E' necessario richiedere l'attribuzione del Codice Fiscale, pagare la tassa di registro, acquistare i bolli da applicare agli atti, ed infine presentare l’atto costitutivo e lo statuto in duplice copia (la procedura è quella di “registrazione atti privati”);
  • entro due mesi dalla costituzione dell’associazione, inviare telematicamente all’Agenzia delle Entrate il modello EAS, per la conferma dei requisiti di non commercialità dell’associazione.

Per informazioni sulla nostra consulenza per la costituzione di associazioni vi invitiamo a visitare questa pagina.

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy