Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Il Contratto di Sposorizzazione per associazioni e associazioni sportive

Scopri la nostra consulenza per la redazioni di contratti di sponsorizzazione

Spesso gli enti no profit e le associazioni sportive organizzano eventi o manifestazioni pubbliche per auto-finanziarsi. In tali occasioni, si fa frequentemente ricorso ad uno sponsor, privato o imprenditoriale.

Il contratto di sponsorizzazione è quel contratto con cui un'impresa acquisisce, dietro corrispettivo, il diritto di collegare od associare il proprio nome o i propri marchi all'evento sponsorizzato, così da ricavarne un beneficio in termini di pubblicità e notorietà.
Il contratto di sponsorizzazione è un contratto atipico, cioè non specificatamente disciplinato dal Codice Civile. Sono comunque vietate, secondo le norme pubblicitarie, le sponsorizzazioni di prodotti da fumo. Al contratto di sponsor si applicano anche le regole sulla pubblicità ingannevole.

Più in generale, il contratto di sponsor può essere definito come ogni contributo di una impresa al finanziamento dell'associazione o della sua attività, allo scopo di promuovere il suo nome, marchio, prodotti ecc...

La propaganda avviene quindi in stretta correlazione con le attività o le manifestazioni dell'ente organizzatore.

Il contratto di sponsor ha degli elementi ricorrenti:

- la bilateralità delle prestazioni, nel senso che al corrispettivo erogato dallo sponsor fanno riscontro precisi obblighi presi dall'ente organizzatore. A proposito si precisa che la prestazioni richieste sono quelle di promuovere il marchio, il nome e l'immagine dello sponsor. E' quindi escluso che quest'ultimo sia titolare di un potere di direzione dell'evento o dell'attività sponsorizzata;

- una previsione dettagliata delle modalità di sponsorizzazione, del numero degli interventi o citazioni, o del numero e del posizionamento di cartelloni e posters, con l'impegno dell'ente organizzatore di non vanificare lo scopo promozionale con inadempienze o comportamenti dal messaggio contrastante con i prodotti o l'attività sponsorizzata, o tali da ledere l'immagine dello sponsor;

- l'esclusiva a favore dell'impresa sponsorizzante, che può essere totale o limitata al settore merceologico in cui lo sponsor opera, o limitata solo a determinate attività o forniture di servizi (come lo sponsor tecnico nelle società sportive).

Si precisa che l'ente organizzatore si obbliga ad una attività, cioè a diffondere i segni distintivi o prodotti dello sponsor, ma non ad ottenere un risultato in termini di successo dell'evento o di vendite dei prodotti sponsorizzati.

Al posto del corrispettivo, può essere anche previsto che lo sponsor fornisca all'ente beni, attrezzature o servizi.

La sponsorizzazione può riguardare anche una serie di manifestazioni o attività spalmate nel tempo, ed in tal caso si tratta di stipulare un contratto di durata.

Ci sono diverse tipologie di sponsorizzazione:

- un evento o una manifestazione di grande risonanza, in relazione al quale l'impresa acquisisce il diritto di presentarsi come sponsor e usare il nome e il simbolo dell'evento, o di intitolare con il suo nome l'evento stesso o presentarsi come organizzatore;

- un evento o manifestazione, in cui l'impresa acquisisce il diritto di collocare cartelli, posters e altri mezzi pubblicitari, o vendere in esclusiva i propri prodotti durante la manifestazione;

- un gruppo, squadra o team appartenenti ad una associazione o società sportiva, con l'obbligo a carico della stessa di usare il nome e il marchio dello sponsor sull'abbigliamento sportivo o nelle varie manifestazioni, fino ad identificare il nome del club con il nome dello sponsor.

- le sponsorizzazioni tecniche, con cui un'impresa rifornisce una squadra sportiva di articoli, attrezzature e servizi necessari per gli allenamenti o la realizzazione delle manifestazioni sportive.

Dal contratto di sponsorizzazione si distingue il contratto di merchandising, con cui una parte concede, dietro corrispettivo, la facoltà di uso di un marchio ad un imprenditore, che lo apporrà sui propri prodotti (come vestiti, ma anche gadgets e prodotti vari).

Come per tutti i contratti, anche il contratto di sponsorizzazione segue le regole generali in tema di adempimento\inadempimento, risoluzione, nullità e annullabilità.

avv. Nicola Ferrante (aggiornato a marzo 2017)

Il nostro studio legale svolge una consulenza completa ed economica per la redazione e la gestione di contratti di sponsorizzazione sportiva . Per informazioni vai a questa pagina, o contatta lo studio tramite il modulo sottostante o alla mail  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Nota: si precisa che gli articoli contenuti in questo sito sono da considerarsi un riassunto, a mero titolo informativo, della più ampia disciplina degli enti no profit. Lo studio non si assume nessuna responsabilità per l'uso non conforme di tali informazioni. Gli articoli sono protetti dalla legge sul -diritto d'autore, ed è espressamente vietata la riproduzione o il loro utilizzo per fini commerciali.

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy