Il Portale delle Associazioni

Consulenza per aprire e gestire Associazioni ed Enti No Profit
a cura dell'avvocato Nicola Ferrante

Condivi con...

Agevolazioni per le Fondazioni

Per una fondazione la categoria tributaria più conveniente in assoluto è quella di onlus, ente regolato dal D.Lgs 460/1997.

Possono essere Onlus le fondazioni che svolgono in via esclusiva, attività nei settori di assistenza sociale e socio sanitaria, assistenza sanitaria, beneficenza, istruzione, formazione, sport dilettantistico, promozione e tutela delle cose di interesse artistico e storico, tutela e valorizzazione della natura o dell'ambiente , promozione dell'arte e della cultura, tutela dei diritti civili e ricerca scientifica.

Da sottolineare che molti di queste attività possono essere svolte solo verso soggetti svantaggiati (malati, emarginati, carcerati, poveri ecc.....). Ad esempio l'assistenza sanitaria e le attività di istruzione e formazione possono essere svolte solo verso soggetti svantaggiati, mentre le attività sociali, socio sanitarie e di beneficenza non hanno questo limite. Per un maggiore approfondimento sulla normativa delle onlus e su questa tematica vai a questa pagina.

Inoltre, la fondazione dovrà prevedere nell'atto costitutivo alcuni requisiti previsti dal D.Lgs 460/1997, tra cui:

  • l'esclusivo perseguimento di finalità di solidarietà sociale e il divieto di svolgere attività diverse da quelle menzionate;
  • il divieto di distribuire utili o avanzi di gestione e l'obbligo di impiegare tali somme per la realizzazione delle attività istituzionali;
  • l'obbligo di devolvere ad altre Onlus il patrimonio della fondazione in caso di scioglimento e l'obbligo di redarre il bilancio o rendiconto annuale.
  • la legge prevede rilevanti agevolazioni fiscali, tra cui:
  • esenzione totale da IRES e IRAP sui proventi delle attività istituzionali e connesse (in pratica sono considerate attività non commerciali);
  • esenzione Iva per le prestazioni ospedaliere, di cura, educative e di formazione e prestazioni socio sanitarie in generale;
  • esenzione dell'imposta di bollo e dell'obbligo di emettere scontrino fiscale (solo per le attività istituzionali);
  • semplificazione degli adempimenti contabili;
  • esenzioni e agevolazioni varie per imposte comunali, provinciali, regionali e per i redditi da capitale.

Inoltre i soggetti o le imprese che donano corrispettivi alle Onlus possono detrarre dal loro reddito imponibile parte degli importi donati. Ad esempio, le imprese possono dedurre dal loro imponibile IRES l'importo donato, fino ad un massimo di euro 2,065.83 o fino al 2% del proprio reddito d'impresa.

Infine, la fondazione-Onlus potrà beneficiare dei contributi del 5x1000.

Diversamente, le fondazioni che non rientrano nella categoria delle onlus, potranno comunque beneficiare di alcune agevolazioni fiscali. Ad esempio, le fondazioni finalizzate all'assistenza sociale, ospedaliera, beneficenza, istruzione, ricerca e sperimentazione, godono di un'aliquota IRES ridotta alla metà.

avv. Nicola Ferrante

(Aggiornato a gennaio 2015)

Nota: si percisa che gli articoli persenti in questo sito sono da considerarsi un riassunto, a mero titolo informativo, della più ampia e organica normativa sugli enti no profit. Lo studio non è in alcun modo responsabile dell'uso improprio di tali informazioni.Gli articoli sono protetti dalla legge sul diritto d'autore, e non possono in alcun modo essere utilizzati o riprodotti senza specifica autorizzazione dell'autore.

Contatta l'esperto



Fai click nel quadratino sottostante, di fianco la scritta "Non sono un robot"

 

Come il 90% dei siti web, utilizziamo i cookie per aiutarci a migliorare il sito e per darti una migliore esperienza di navigazione.
La direttiva UE ci impone di farlo notare, ecco il perché di questo fastidioso pop-up. Privacy policy